Conoscere il DHEA e il DHEA-S . Tutta la verità su questo fantastico ormone che mantiene giovane il cervello - DHEA

Conoscere il DHEA e il DHEA-S . Tutta la verità su questo fantastico ormone che mantiene giovane il cervello DHEA

La distinzione tra DHEA e DHEA-S e perché entrambi sono importanti per un cervello sano

 

Tutto ciò che facciamo, sentiamo, pensiamo, tutto inizia con il cervello.

Un cervello equilibrato e sano aiuta a gettare le basi essenziali per un benessere ottimale.

 Un piccolo ma significativo aspetto della salute del cervello è regolato da una classe specifica di molecole steroidee chiamate neurosteroidi.

 

Che il cervello sia un organo steroidogenico è ampiamente accettato e i neurosteroidi sono intessuti nel suo stesso tessuto.

In effetti, il termine "neurosteroide" si riferisce a composti steroidei derivati ​​dal colesterolo che svolgono un ruolo critico nel sistema nervoso: il suo sviluppo, mantenimento e sopravvivenza.

 

Man mano che i livelli di DHEA e DHEA-S diminuiscono con l'età, il cervello perde le loro proprietà protettive e diventa più sensibile ai danni del declino neurologico.

Questo articolo secondo me molto ben scritto, che mi permetto di riportare tradurre ed arricchire di considerazioni personali, si concentrerà sul DHEA e sulla sua forma solfatata DHEA-S e sulla loro rilevanza per la salute del cervello.

Termini usati comunemente in questo post del blog:

DHEA = deidroepiandrosterone

DHEA-S = deidroepiandrosterone solfato

DHEA (S) = pool totale di DHEA e DHEA-S nel corpo

Il deidroepiandrosterone (DHEA) è abbondante nel corpo umano - insieme alla sua forma solfatata (DHEA-S), il DHEA comprende la forma più abbondante di ormoni steroidei .

In effetti, la concentrazione media di DHEA-S nel sangue è circa 10.000 volte superiore all'estrogeno più potente - estradiolo (livelli tipici di estradiolo intorno a 0,1 ng / mL contro 1000 ng / mL per DHEA-S).

Derivato dal colesterolo, il DHEA è prodotto dalle ghiandole surrenali, dal cervello, dalle ovaie e dai testicoli ed è un precursore dei principali steroidi sessuali (estrogeni, progesterone e testosterone).

 A volte chiamato "l'ormone anti-invecchiamento" o anche la "fontana della giovinezza", non c'è da meravigliarsi se l'integrazione con DHEA ai suoi livelli fisiologicamente giovanili medio-normali sembra generare un senso di benessere e ristabilire quella "gioia di vivere" .

 

I livelli di DHEA-S raggiungono il picco intorno alla metà degli anni venti e diminuiscono gradualmente fino a circa il 20% all'età di 70 anni.

Sfortunatamente, una volta che i livelli di DHEA iniziano a diminuire, non ci sono meccanismi di feedback per aiutarli a ripristinarli.

 Con la diminuzione del DHEA e dei metaboliti a valle, il cervello perde gli effetti protettivi degli steroidi sessuali e diventa sempre più vulnerabile agli effetti neurotossici del cortisolo e ad altri fattori potenzialmente dannosi.

Con la diminuzione dei livelli di DHEA-S, i livelli di cortisolo rimangono costanti, con conseguente aumento del rapporto cortisolo / DHEA-S. La relazione sbilanciata tra il cortisolo troppo alto e la quantità insufficiente di DHEA-S è abbastanza grave da poter creare condizioni potenzialmente dannose per l'ippocampo e contribuire alla patologia della malattia neurodegenerativa. In particolare, gli studi di imaging cerebrale mostrano che i livelli ridotti di DHEA-S sono strettamente associati alla diminuzione della funzione ippocampale nella malattia di Alzheimer.

 

Questo è il motivo per cui il DHEA è comunemente prescritto a pazienti di sesso femminile e maschile che presentano bassi sintomi di androgeni in combinazione con bassi livelli di DHEA-S circolanti e / o bassi livelli di testosterone.

 La terapia sostitutiva con DHEA può certamente impedire i danni dell'invecchiamento: livelli adeguati aiutano ad aumentare i livelli di steroidi sessuali a valle, aumentano la capacità di adattarsi allo stress, aumentare la libido, migliorare il rapporto grasso corporeo e rafforzare il sistema immunitario .

Tuttavia, è importante monitorare i livelli degli ormoni steroidei sessuali e del DHEA-S durante l'integrazione - proprio come con troppo poco DHEA, troppo DHEA (e / o DHEA-S) può avere una propria serie di sintomi angoscianti.

 

Perché misurare DHEA-S?

DHEA-S : la forma solfatata di DHEA.

Molte persone spesso chiamano con domande riguardanti la differenza tra DHEA e DHEA-S.

La differenza nella struttura delle due molecole è la presenza di un gruppo solfato - DHEA-S è la forma solfatata di DHEA.

Circa il 98% del DHEA circolante nel sangue è la forma solfata (DHEA-S). Il DHEA-S si lega più fortemente all'albumina, la sua proteina vettore, rispetto al DHEA, contribuendo così alla più lenta eliminazione metabolica dalla circolazione .

Oltre alla più lunga emivita biologica, il DHEA-S non mostra un forte ritmo diurno come si è visto con il cortisolo e il DHEA, né varia da un giorno all'altro .

Inoltre, i livelli di DHEA-S sono paralleli a quelli di DHEA e sono strettamente correlati ai sintomi clinici di carenza e eccesso di androgeni.

 

Di conseguenza, DHEA-S rappresenta un indice più stabile di attività surrenalica e stress accumulato nel tempo, mentre DHEA può riflettere meglio la risposta a fattori di stress acuti.

Quindi, quando misuriamo il DHEA-S, acquisiamo una comprensione del serbatoio biologico sistemico del corpo di DHEA.

Tutti questi motivi rendono DHEA-S il candidato ideale per i test molecolari.

 

DHEA con e senza solfato

Quando si tratta di funzionare, entrambe le molecole DHEA e DHEA-S hanno profondi effetti fisiologici sul corpo.

Un ruolo particolare su cui vorrei concentrarmi può spesso essere trascurato: le azioni di DHEA e DHEA-S nel sistema nervoso.

 

DHEA-S e il sistema nervoso centrale

Per molti anni, il DHEA è stato considerato inattivo e semplicemente un precursore di androgeni ed estrogeni nella periferia - questa osservazione si basava sull'incapacità di rilevare i recettori DHEA nucleari classici osservati quelli per altri ormoni steroidei (estrogeni - ER, progestinici - PR, androgeni - AR, glucocorticoidi - GR, mineralcorticoidi - MR).

Tuttavia, prove più recenti fanno luce sul DHEA non solo come pro-ormone, ma piuttosto come ormone attivo a sé stante.

Al giorno d'oggi, non solo il DHEA, ma anche il DHEA-S sono riconosciuti per la regolazione di una miriade di processi biologici, con un notevole tropismo soprattutto per il sistema nervoso centrale.

DHEA e DHEA-S svolgono un ruolo importante nello sviluppo, nel mantenimento e nella sopravvivenza del sistema nervoso centrale.

Entrambi gli ormoni modulano la sintesi e il rilascio dei neurotrasmettitori, l'immunità e l'infiammazione, la funzione endoteliale e cognitiva, la neurogenesi e la sopravvivenza neuronale.

 

Indipendentemente dall'età, i livelli sierici di DHEA-S sembrano essere positivamente correlati a profili psicologici più sani: funzione esecutiva, memoria di lavoro, attenzione, concentrazione, divertimento nelle attività ricreative e effetto globale di tamponamento dello stress .

Lo squilibrio nel pool DHEA tende ad essere associato a stress e psicopatologia, come depressione, ansia, disturbo bipolare, disturbi alimentari, PTSD e stress percepito .

Nello specifico, i livelli di DHEA-S sono inversamente correlati con l'iperattività, suggerendo un possibile ruolo protettivo nell'eziologia dell'ADHD .

Bassi livelli di DHEA-S sono stati riportati in giovani pazienti con anoressia nervosa. Inoltre, livelli più bassi di DHEA vanno di pari passo con il grado di gravità della depressione .

 E il rovescio della medaglia, livelli troppo alti sono stati rilevati in pazienti con mania . Sono stati riportati anche DHEA-S elevati e cortisolo ridotto in pazienti con PTSD .

 

 

 

 

Meccanismi d'azione del DHEA e DHEA-S

Le "tipiche" molecole di steroidi (come estradiolo, testosterone e progesterone) modulano i loro effetti entrando nelle cellule bersaglio, legandosi ai loro recettori e avviando cascate che attivano o inibiscono l'espressione di varie proteine ​​a valle (alcuni meccanismi non genomici sono stati descritti come bene modulando i recettori di membrana ad azione rapida).

La cosa affascinante dei neurosteroidi è che funzionano in modo leggermente diverso.

 

C'è una considerevole ambiguità riguardo all'esistenza o meno di un recettore DHEA.

Ciò che è noto, tuttavia, è che DHEA e DHEA-S agiscono direttamente sui sistemi di neurotrasmettitori per regolare la trasmissione sinaptica.

 In particolare, questi neurosteroidi modulano l'eccitabilità neuronale interagendo direttamente con i sistemi di neurotrasmettitori, come dopamina, serotonina, glutammato e GABA tra gli altri .

 

DHEA e DHEAS

 

DHEA e DHEA-S si legano e attivano e modulano il recettore del glutammato NMDA, potenziano la segnalazione di dopamina e serotonina e inibiscono l'attività del recettore GABA A.

 In parole povere, tutto ciò significa che DHEA-S aiuta a mantenere acceso il fuoco - che i neuroni eccitatori si attivano correttamente, ma anche che il fuoco sta bruciando "proprio bene" e non è fuori controllo.

 

DHEA e DHEA-S : uguali ma diversi

Ecco la parte davvero interessante: ci sono molte funzioni che DHEA e DHEA-S svolgono in modi simili;

 tuttavia, hanno anche i loro meccanismi distinti .

Ad esempio, entrambe le molecole possono stimolare il rilascio di dopamina, un neurotrasmettitore noto per essere il "centro del piacere" del cervello.

Tuttavia, i percorsi per aumentare la dopamina sono diversi.

DHEA-S utilizza meccanismi genomici, lenti e di lunga durata per farlo sovraregolando i livelli di tirosina idrossilasi, l'enzima responsabile della produzione di dopamina.

 DHEA, d'altra parte, segnala per aumentare i livelli di dopamina in raffiche rapide, intense e di breve durata.

 

 

Con la somministrazione orale di DHEA vediamo un aumento sostanziale dei livelli di DHEA-S in tutti i fluidi corporei comunemente testati (saliva, macchia di sangue, siero o urina) (subisce il metabolismo di primo passaggio e viene solfato) e un netto miglioramento anche dei sintomi .

Tuttavia, una volta che il DHEA diventa solfato in DHEA-S, non è in grado di attraversare la barriera emato-encefalica (il DHEA non è polare e attraversa facilmente la barriera emato-encefalica, mentre il DHEA-S è polare e non attraversa il cervello da periferia).

È plausibile presumere che il DHEA-S che deriva dal metabolismo di primo passaggio dopo la somministrazione orale di DHEA si comporti in modo simile al DHEA-S endogeno e contribuisca al serbatoio biologico di DHEA del corpo, convertendosi prontamente in DHEA quando se ne presenta la necessità.

 

DHEA sublinguale

Il modo in cui prendi il DHEA ha sicuramente un impatto su quanto entra nel cervello e quanto velocemente. Ad esempio, il DHEA sublinguale  entra direttamente nel flusso sanguigno (misurato nel siero) e poiché non è solfato, attraversa direttamente il cervello e altri tessuti.

Alcuni pazienti sono particolarmente sensibili anche a piccole quantità (5 mg) di DHEA somministrato in questo modo - con l'agitazione come effetto collaterale comune.

In questo caso, l'assunzione di DHEA per via orale potrebbe avere una sensazione di benessere più dolce ed edificante.

 

Utilità clinica dei neurosteroidi

Dalla scoperta dei neurosteroidi nei primi anni '80, sono stati compiuti sforzi significativi per studiare il ruolo che svolgono nei disturbi legati al cervello.

Approfondire i meccanismi che sono alla base del coinvolgimento dei neurosteroidi nelle patologie dell'umore può estendere la loro utilità clinica al trattamento dei disturbi dell'umore e dell'ansia, alcolismo, disturbi del sonno, dolore cronico, lesioni cerebrali traumatiche, disturbi neurodegenerativi e molti altri .

In particolare per DHEA, è stato emozionante vedere l'evoluzione della conoscenza riguardo al comportamento di questa molecola nel cervello. Nel complesso, il DHEA è ben bilanciato nello sviluppo clinico per il suo potenziale terapeutico nell'aiutare il cervello che invecchia a mantenere la sua capacità rigenerativa.

 

Ho in mente di scrivere un altro articolo dove affrontare l’ aspetto più “ medico” del DHEA quale rappresentante della funzione della ghiandola surrenalica.



Un caro saluto, Dr. Andrea Militello

 

"..Continua la lettura di altri articoli"