L'iperplasia prostatica benigna e l'infiammazione intraprostatica sono associate a infiammazione del fegato: è tempo di prevenzione - Iperplasia Prostatica Benigna

L'iperplasia prostatica benigna e l'infiammazione intraprostatica sono associate a infiammazione del fegato: è tempo di prevenzione Iperplasia Prostatica Benigna

Alcune evidenze hanno supportato il legame tra iperplasia prostatica benigna (BPH) / sintomi del tratto urinario inferiore (LUTS) e infiammazione.

In questo studio, abbiamo mirato a valutare l'associazione tra infiammazione prostatica (PI) e steatoepatite non alcolica (NASH) valutata da un punteggio non invasivo in una coorte di pazienti affetti da BPH / LUTS. Tra gennaio 2012 e gennaio 2016, abbiamo condotto uno studio prospettico in una singola clinica ambulatoriale accademica su 132 pazienti consecutivi sottoposti a chirurgia per sintomi del tratto urinario inferiore (LUTS) a causa dell'ostruzione dello sbocco della vescica (BOO).

È stato calcolato un punteggio steatoepatite non alcolico non invasivo (punteggio NASH), e la PI è stata valutata attraverso il punteggio iraniano. I pazienti con un punteggio NASH> 1,05 avevano un volume medio della prostata più ampio (55 vs 45 cc, p <0,05), una circonferenza della vita maggiore (103 vs 93,5 cm, p <0,01) e alti valori di glucosio nel sangue, trigliceridi, insulina e BMI rispetto ai pazienti senza NASH; Il 36% dei pazienti con un punteggio iranico ≥ 4 aveva NASH rispetto al 16,1% dei pazienti con punteggio NASH <1,05 (p <0,05).

Abbiamo riscontrato che la steatoepatite non alcolica (NASH ≥ 1.05) era un fattore di rischio indipendente per il punteggio dell'Irani ≥4 (OR: 3.24; p <0.05) e del volume prostatico ≥ 40 cc (OR: 13.99; p <0.01). LUTS / BPH e NASH possono essere strettamente correlati, alla base di inneschi comuni di induzione. In particolare, l'infiammazione sembra essere associata a entrambe le condizioni e alla crescita eccessiva della ghiandola prostatica.

L'identificazione precoce di questa classe di pazienti potrebbe svolgere un ruolo chiave nella prevenzione delle complicanze legate alla progressione della malattia.

 

Benign prostatic hyperplasia and intraprostatic inflammation are associated with liver inflammation: it's time for prevention

https://doi.org/10.1111/andr.12505



Un caro saluto, Dr. Andrea Militello

 

"..Continua la lettura di altri articoli"