Il glande molle, il glande freddo, la mancata erezione del glande - Glande

Il glande molle, il glande freddo, la mancata erezione del glande Glande

La sindrome del glande molle può essere definita come un disturbo dell’erezione  in cui i corpi cavernosi del pene sono completamente eretti, ma il corpo spongioso e il glande rimangono morbidi e freddi, influenzando negativamente sia l'aspetto del pene eretto che la capacità di raggiungere la penetrazione durante l'attività sessuale. Non ci sono studi epidemiologici riguardanti la prevalenza di questa condizione.

Ci sono tre sospette patofisiologie della sindrome del glande molle:

Le lesioni neurologiche che coinvolgono i nervi motori che innervano il corpo spugnoso determinano l'incapacità di attivare i processi di afflusso arterioso e veno-occlusivo all'interno del tessuto erettile spongioso. Questo può verificarsi dopo intervento di uretroplastica per stenosi uretrale.

Problemi arteriosi  In questa condizione, la malattia occlusiva arteriosa all'interno delle arterie dorsali o spongiose determina l'incapacità di fornire una sufficiente pressione di perfusione arteriosa al tessuto erettile spongioso. La patologia arteriosa può essere il risultato di una malattia aterosclerotica con esposizione al rischio di rischio vascolare, o può anche verificarsi in seguito a trauma arteriopatico traumatico secondaria a trauma perineale.

La fibrosi del tessuto erettile all'interno del corpo spugnoso determina un tessuto erettile scarsamente espandibile e un'incapacità di fornire una sufficiente pressione di compressione sulle venule sub-tuniche causando disfunzione veno-occlusiva. Il tessuto erettile spongioso fibrotico può manifestarsi con esposizione al fattore di rischio vascolare, trauma perineale o lesione chirurgica dopo uretroplastica o associata a impianto di protesi peniena. La sindrome può anche verificarsi dopo che sono stati eseguiti shunt iatrogeni come quelli associati al trattamento con priapismo ischemico.

In sintesi, le seguenti condizioni sono associate alla sindrome del glande molle: lesioni neurologiche, post-uretroplastica, malattia vascolare aterosclerotica, trauma perineale, intervento chirurgico per priapismo, malattia di Peyronie e chirurgia per impianto penieno

Cause: Durante la normale erezione fisiologica del pene, vi è un aumento del flusso sanguigno verso le due camere di erezione, i corpi cavernosi attraverso le arterie cavernose destra e sinistra attraverso le arteriole elicoidali. Quando il meccanismo veno-occlusivo dei corpi cavernosi si attiva, la durezza si verifica all'interno delle due camere di erezione del pene con un'aumentata pressione intracavernosa da 6-8 mmHg al basale a circa 100 mmHg durante l'erezione e a oltre 1000 mmHg durante la compressione esterna associata a rapporti sessuali .

Durante la normale erezione fisiologica del pene, vi è anche un aumento del flusso sanguigno verso il corpo spongioso e il glande del pene attraverso le arterie dorsali e del corpo spongioso. Quando nel  corpo spongioso e nel  glande si  attiva il meccanismo veno-occlusivo, l'ingorgo che si verifica all'interno del corpo spongioso detremina una pressione intraspongiosale aumentata da 6-8 mmHg al basale a circa 20 mmHg durante l'erezione e a circa 30 mmHg durante la compressione esterna associata a rapporto sessuale Esistono pochi studi di ricerca riguardanti la fisiologia del corpo spugnoso e il meccanismo veno-occlusivo del glande. Presumibilmente, vi è compressione di venule subtunicali espandendo il tessuto erettile spongioso contro la tunica albuginea.

L'importanza dell'ingorgo del glande del pene durante la normale erezione del pene non è stata ancora pienamente chiarita fisiologicamente. Tuttavia, un principio ingegneristico è che per ottenere la penetrazione, sebbene il corpo dell'oggetto possa essere duro, anche il punto di contatto pertinente dell'oggetto deve essere duro. Se il punto di contatto pertinente dell'oggetto è morbido, l'oggetto si piegherà. Prendiamo, ad esempio, una spatola di cottura con un lungo manico in legno / metallo e una lama flessibile in plastica morbida. Se il punto di contatto pertinente della spatola è la maniglia rigida (spatola capovolta), non si verificherà alcuna instabilità. Se il punto di contatto pertinente della spatola è la lama morbida (spatola orientata correttamente), si verificherà l'instabilità, poiché il punto di contatto pertinente è morbido. La penetrazione per l'attività sessuale richiede un pene rigido e un punto di contatto stabile, cioè il glande del pene. Quando il glande del pene è morbido, è più difficile per un uomo penetrare per un rapporto sessuale soddisfacente.

 

TEST DIAGNOSTICI:

Se un paziente lamenta la sindrome del glande molle, sono disponibili i seguenti test diagnostici. La fotografia allo stato eretto può confermare la sindrome del glande molle. La spongiografia nello stato farmacologicamente eretto può rivelare un contrasto nel glande e nelle vene dorsali profonde associate alla disfunzione veno-occlusiva spongiosa. La termografia che utilizza una fotocamera FLIR (For Looking Looking Infrared) è una tecnologia di imaging che rileva la radiazione infrarossa e l'energia termica. La tecnologia di imaging all'infrarosso può essere utilizzata per aiutare piloti e piloti a guidare i loro veicoli di notte, in caso di nebbia o rilevare oggetti caldi su uno sfondo freddo quando è completamente buio - come una notte nuvolosa e senza luna. Forward Looking Infrared può essere utilizzato per valutare il flusso di sangue nei tessuti. La pelle / glande del pene emette costantemente radiazioni infrarosse. È possibile rilevare aumenti nell'emissione di radiazioni infrarosse dalla pelle / glande del pene mediante telerilevamento utilizzando una macchina fotografica ad alta risoluzione a scansione rapida in grado di produrre immagini termiche con una precisione di 0,07 gradi C in un brevissimo periodo di tempo .

 

TRATTAMENTO:

Il trattamento della sindrome del glande può essere meccanico, farmacologico o chirurgico. Gli anelli meccanici possono essere posizionati alla base del pene. Può anche essere utilizzata la terapia con vacuum device a vuoto con anelli meccanici. La chirurgia può essere eseguita per legare le vene e chiudere shunt iatrogeni. Esistono dati limitati con strategie terapeutiche meccaniche o chirurgiche.

Il trattamento farmacologico si basa su terapie sistemiche e locali. Le terapie sistemiche prevedono l'uso di inibitori della PDE5 (Viagra, Levitra o Cialis). Durante la stimolazione sessuale, gli inibitori della PDE5 possono aumentare il flusso di sangue al corpo spugnoso e facilitare la disfunzione veno-occlusiva spongiosa. Gli inibitori della PDE 5 possono solo migliorare i sintomi del glande soffice in pazienti con insufficienza di riempimento o incapacità di conservare la turgidità del glande,la sindrome del glande molle.



Un caro saluto, Dr. Andrea Militello

 

"..Continua la lettura di altri articoli"