Lo screening del PSA riduce i decessi per cancro alla prostata del 30% - PSA

Lo screening del PSA riduce i decessi per cancro alla prostata del 30% PSA

 

Riporto un interessante lavoro scientifico che cerca di mettere chiarezza sull’uso del psa plasmatico

Lo screening del PSA riduce del 30% le morti per cancro alla prostata. Ciò è dimostrato dalla ricerca basata su dati su 20.000 uomini monitorati da oltre due decenni. Il livello di PSA misurato inizialmente per gli uomini si è rivelato altamente significativo come predittore del futuro rischio di cancro.

"Questa ricerca è importante perché mostra gli effetti a lungo termine di un programma di screening organizzato in Svezia", ​​afferma Maria Franlund, MD, PhD in Urologia all'Accademia Sahlgrenska, Università di Göteborg, Svezia, e Capo del Dipartimento presso l'Ospedale Universitario Sahlgrenska.

 

La tesi di Franlund sullo screening del cancro alla prostata viene dopo l'ultima raccomandazione (2018) del Consiglio nazionale svedese per la salute e il benessere: i servizi sanitari non dovrebbero offrire lo screening con i test del PSA da soli. La ragione è che il Consiglio di amministrazione considera gli svantaggi dello screening del PSA - sovradiagnosi e sovra-trattamento - come se prevalesse sui suoi benefici

Lo scopo principale di questa ricerca è stato quello di migliorare la comprensione delle implicazioni dello screening e della possibile progettazione di un futuro programma di screening per il cancro alla prostata.

Il lavoro di tesi di Franlund ha origine da un ampio studio basato sulla popolazione che è iniziato a Göteborg nel 1995. Lo studio è unico in molti modi e attualmente ha il più lungo periodo di follow-up di tutti gli studi di screening sul cancro alla prostata in tutto il mondo.

Inizialmente, il trial di screening del cancro alla prostata randomizzato basato sulla popolazione comprendeva un totale di 20.000 uomini di età compresa tra 50 e 64 anni. Diecimila sono stati scelti a caso per un gruppo di screening e hanno offerto test PSA (screening) ogni due anni e il campionamento cellulare se sono stati trovati livelli di PSA elevati. Gli altri 10.000 sono stati assegnati al gruppo di controllo e non hanno offerto il campionamento del PSA nello studio.

Dopo 22 anni di follow-up, circa 300 uomini erano morti di cancro alla prostata. Il rischio era inferiore del 30% per gli uomini sottoposti a screening nel programma. Gli uomini a più alto rischio di morire di cancro alla prostata erano quelli il cui screening è iniziato dopo i 60 anni; uomini che sono stati diagnosticati dopo aver lasciato lo studio (di età compresa tra circa 70 e oltre); e quelli che sono stati invitati, ma non hanno partecipato affatto.

 

Inoltre, lo studio includeva risultati per gli uomini che hanno partecipato al programma di screening e hanno lasciato il trial senza che il cancro alla prostata venisse rilevato. Tra questi uomini, che sono stati monitorati per nove anni dopo la fine dello screening, sono stati trovati circa 200 casi di cancro. Di questi uomini, 21 sono poi morti a causa della malattia.

 

I livelli di PSA nella prima occasione di screening hanno dimostrato di avere un ruolo importante sui futuri esiti del cancro. Possono quindi essere utilizzati per la stima del rischio. I risultati hanno anche dimostrato che negli uomini con disfunzione minzionale - difficoltà nello svuotamento della vescica - il rischio di cancro alla prostata era inferiore a quello degli uomini senza sintomi nello studio.

 

Sono inoltre necessarie strategie per ridurre il tasso di abbandono. Gli uomini in buona salute e con PSA superiore a un certo livello (1,5 ng / ml) dovrebbero essere sottoposti a controlli continuativi anche dopo i 70 anni

 

Per approfondire :

https://www.news-medical.net/news/20190122/PSA-screening-reduces-prostate-cancer-deaths-by-3025.aspx



Un caro saluto, Dr. Andrea Militello

 

"..Continua la lettura di altri articoli"