Miglioramento della velocità di rigenerazione dei nervi periferici indotta dal trattamento con onde d'urto extracorporee nel ratto. Possibile rigenerazione nervosa per la disfunzione erettile - Disfunzione Erettile

Miglioramento della velocità di rigenerazione dei nervi periferici indotta dal trattamento con onde d'urto extracorporee nel ratto. Possibile rigenerazione nervosa per la disfunzione erettile  Disfunzione Erettile

La terapia a onde d'urto extracorporea a bassa energia (ESWT) de-focalizzata è stata ampiamente utilizzata in vari modelli clinici e sperimentali per il trattamento di condizioni dolorose quali epicondilite e fascite plantare e anche per la guarigione di ossa e ferite.

È dimostrato che ESWT migliora l'attività metabolica di vari tipi cellulari, ad es. condrociti e cellule endoteliali ma poco si sa sui suoi effetti sul tessuto nervoso. Lo scopo di questo studio era di indagare se ESWT migliora la rigenerazione dei nervi feriti in un modello di ratto sperimentale. Ratti Sprague-Dawley hanno ricevuto un autotrapianto di nervo omotopico lungo 8 mm nel nervo sciatico destro, fissato con suture epineurial.

Sono stati creati due gruppi sperimentali: gli animali del gruppo 1 hanno ricevuto ESWT (300 impulsi, 3 Hz) immediatamente dopo l'innesto nervoso mentre gli animali del gruppo 2 (controllo) hanno ricevuto solo autotrapianti nervosi. Sono stati effettuati analisi di andatura automatica seriale CatWalk, studi elettrofisiologici e indagini morfologiche. Il tempo di sopravvivenza era di 3 settimane o 3 mesi. A 6-8 settimane di sopravvivenza, il gruppo di animali ESWT ha mostrato un recupero funzionale significativamente migliorato rispetto ai controlli.

Le osservazioni elettrofisiologiche a 3 settimane dopo l'intervento hanno rivelato valori marcati di ampiezza (3.9 ± 0.8 mV, SEM) e potenziale d'azione del nervo composto (CNAP, 5,9 ± 1,4 mV · ms, SEM) nel gruppo ESWT, mentre non vi erano ampiezze rilevabili nel gruppo di controllo. Questo risultato è stato accompagnato da un numero significativamente maggiore di fibre nervose mielinizzate nel mezzo dell'innesto (4644 ± 170 [SEM, ESWT] vs 877 ± 68 [SEM, controllo]) e nel moncone distale (1586 ± 157 [SEM, ESWT ] vs 308 ± 29 [SEM, controllo]) degli animali ESWT rispetto ai controlli 3 settimane dopo l'intervento. Tre settimane dopo l'intervento chirurgico gli innesti nervosi degli animali di controllo contenevano un gran numero di fagociti e fibre nervose non mielinizzate, mentre gli innesti nervosi ESWT erano pieni di assoni rigeneranti ben mielinizzati.

Non c'era alcuna differenza significativa tra il numero di vasi endoneurali nell'ESWT e nei nervi di controllo. Tre mesi dopo l'intervento, non sono state osservate differenze significative nei dati funzionali ed elettrofisiologici. Un numero altrettanto elevato di assoni mielinizzati distali rispetto all'innesto potrebbe essere trovato in entrambi i gruppi (7693 ± 673 [S.E.M., ESWT] contro 6090 ± 716 [S.E.M., controllo]).

Questi risultati suggeriscono che ESWT induce un tasso migliorato di rigenerazione assonale, questo fenomeno probabilmente coinvolge una degenerazione della Walleriana più rapida, la rimozione migliorata degli assoni degenerati e una maggiore capacità degli assoni feriti di rigenerarsi.



Un caro saluto, Dr. Andrea Militello

 

"..Continua la lettura di altri articoli"