La terapia della calcolosi urinaria….meglio le erbe o il citrato I migliori articoli a cura del Dr Andrea Militello, Urologo di Roma - Calcoli

La terapia della calcolosi urinaria….meglio le erbe o il citrato I migliori articoli a cura del Dr Andrea Militello, Urologo di Roma Calcoli

Riporto i dati di questo studio pubblicato

sull Archivio Italiano di urologia e andrologia

Herbal medicines for urinary stone treatment. A systematic review

Elena Monti, Alberto Trinchieri, Vittorio Magri, Anne Cleves,  Gianpaolo Perletti

DOI: https://doi.org/10.4081/aiua.2016.1.38

 

Metodi: Per essere ammissibili, gli articoli a lunghezza intera dovrebbero includere i risultati di studi controllati randomizzati che arruolano pazienti affetti da urolitiasi, riportando qualsiasi confronto tra un agente erboristico sperimentale versus placebo o qualsiasi comparatore attivo, finalizzato a prevenire la formazione o facilitare la dissoluzione dei calcoli in qualsiasi parte del tratto urinario. Quindici database sono stati ricercati per riferimenti pertinenti.

Gli esiti primari investigati erano (i) la riduzione della dimensione e / o del numero di calcoli e (ii) i tassi di escrezione urinaria di calcio, urato o ossalato. L'esito secondario della revisione è stato gli effetti avversi (AE) del trattamento. Il rischio di bias (ROB) e la qualità delle prove sono state valutate in base alle linee guida Cochrane e GRADE. Abbiamo eseguito una meta-analisi di randomeffect.

 

Risultati: sono stati recuperati 541 articoli e sono stati infine confermati come idonei 16 studi. Più voci di strumenti Cochrane ROB sono state classificate come ad alto rischio di bias in ogni rapporto di prova analizzato. Analisi aggregate di dati continui potrebbero essere eseguite per tre diversi confronti: (i) fitoterapia versus citrato come singolo agente (ii) fitoterapia versus placebo, (iii) preparazione di Didymocarpus pedicellata (DP) -combinato con altri agenti a base di erbe- rispetto al placebo. I risultati hanno mostrato che il citrato è superiore alla fitoterapia diminuendo significativamente sia la dimensione dei calcoli urinari (differenza media: fitoterapia, 0,42 mm più alta, 95% CI: da 0,23 a 0,6, Z = 4,42, P <0,0001, I2 = 30%) e il tasso di escrezione urinaria di urato (differenza media: 42,32 mg / 24 ore in più, 95% IC: 19,44 a 65,19; Z = 3,63, P = 0,0003; I2 = 96%), valutata dopo 3 mesi di terapia. Non sono state trovate differenze significative nei tassi di escrezione di calcio o ossalato urinario. La preparazione DP era superiore al placebo nell'indurre la clearance totale (rapporto rischio: 6,19, IC 95%: 2,60-14,74; Z = 4,12, P <0,0001; I2 = 0%) e riduzione dimensionale (differenza media: preparazione DP, 4,93 mm inferiore: IC 95%: da -9.18 a -0.67; Z = 2.27, P = 0.02; I2 = 99%) di calcoli renali e ureterali dopo 3 mesi di terapia. Non sono state trovate differenze significative nella variazione inter-braccio dei tassi di escrezione di calcio o urato urinario come risultato del confronto pool fitoterapico-placebo. I rimedi erboristici erano in generale privi di effetti collaterali e in alcuni casi il citrato sembrava indurre disturbi gastrointestinali in una percentuale più alta di pazienti. La maggior parte delle segnalazioni non ha fornito dati inferenziali sull'AE e la meta-analisi non era fattibile.

 

Conclusioni: il citrato è più efficace della fitoterapia nel ridurre le dimensioni dei calcoli esistenti nel tratto urinario e nel ridurre il tasso di escrezione urinaria di acido urico. Una preparazione contenente Didymocarpus pedicellata in combinazione con altri agenti a base di erbe induce riduzione delle dimensioni del calcolo e clearance significativamente migliori rispetto al placebo.



Un caro saluto, Dr. Andrea Militello

 

"..Continua la lettura di altri articoli"